Blog

TIM HECKER IN “CONCERTO PER ORGANO ED ELETTRONICA” A PARMA

 

 

Un avvenimento imperdibile durante il quale l’artista canadese implementerà il suo set elettronico con un organo Weigle del 1982 acquistato nel 2009 dall’Auditorium di Parma, uno strumento dotato di un suono potente e di una straordinaria versatilità fonica, che renderà ancora più evocative le atmosfere trascendentali di Tim Hecker.

 

Sabato 11 febbraio 2012 / Auditorium del Carmine (ex-Chiesa di Santa Maria del Carmine, XIII sec.) Via Eleonora Duse 1/A, Parma – ore  21:30 – ingresso euro15

prevendite su Vivaticket 

Musicista e soundartist di Vancouver, Tim Hecker oggi risiede a Montreal. Dal 1996 produce lavori per etichette di riferimento nel campo della sound-art come Kranky, Alien8, Mille Plateaux, Room40, Force Inc, Staalplaat e Fat Cat. La sua musica, definita “ambient strutturata” o “cattedrale di musica elettronica”, esplora l’intersezione tra rumore, dissonanze e melodie, nutrendo un approccio fisico ed emotivo verso le composizioni. Il suo Radio Amor viene riconosciuto da Wire come disco chiave del 2003, mentre Harmony in Ultraviolet (2006) riceve il plauso ad ampio raggio della critica ed entra nella classifica di Pitchfork come miglior registrazione dell’anno. Tim Hecker lavora anche per compagnie di danza contemporanea, compone, realizza installazioni di sound-art e produce minimal techno sotto il nome d’arte Jetone. Le sue performance dal vivo toccano i festival più importanti al mondo, come Sonar, Mutek, Primavera Sound, Victoriaville, Vancouver New Music Festival e Transmediale.


Ravedeath, 1972 (Kranky-marzo 2011) Tim Hecker subisce il fascino magnetico dell’Islanda, tanto da realizzare il suo sesto album solista traendo spunto da registrazioni in presa diretta, semi-improvvisate sul maestoso organo a canne di una chiesa di Reykjavík, ivi catturate nel corso di una lunghissima giornata del luglio 2010 dall’”islandese d’adozione” Ben Frost e successivamente sottoposte a una massiccia manipolazione di scrittura in studio. 

“Dalla densa ma vividissima coltre che avvolge il lavoro in un bozzolo di inquietudine ed eccitazione, affiorano simulacri di rumore e sample crepitanti, ma anche sorprendenti frammenti di serenità pianistica e profonde immersioni ambientali, che coniugano in una sintesi magistrale anime sovente lasciate separate da artisti operanti in ambito affine […] Tim Hecker ha forse qui edificato il suo capolavoro. Un’opera densa e multiforme, che abbraccia stili diversi e tocca precordi difficilmente avvicinabili. L’autore canadese coglie pienamente nel segno, plasmando la materia ambientale con un tocco ruvido e nel contempo pregno di romanticismo. È musica per chiudersi e riaprirsi, per liberare la mente e il cuore alla contemplazione dell’infinito “ Ondarock (disco del mese di marzo 2011) http://www.ondarock.it/recensioni/2011_timhecker.htm

 

LINKS
www.sunblind.net / www.myspace.com/rainbowbloodx / www.youtube.com/watch?v=cj9Rcp0D8bk / http://www.youtube.com/watch?v=pE37ihb8ot8

  

Partner Wakeupandream / SOUND CANVAS /Ondarock

 

contatti:
press@interbang.it
www.interbang.it